Pietra sangue

“E i cervi come sempre salirono / verso le rocce e la neve / verso il limite invalicabile / che era stato valicato e distrutto. / Roccia aperta, ora, merce / da preda. Ma i cervi / come sempre salirono / fino alla schiena grigia dello gneiss, / nudo sasso di vetta. / Dopo, rosso, / per giorni. / Non c’è altro.”
Muri che crollano, rottami sulle onde, come in un trionfo di pagine e brandelli: sfilano le cose, in questi versi di Fabio Pusterla, tra luce e oscurità, e sono quasi più i drammi che le gioie.
Vengono cantati, quasi, questi luoghi cupi, quelle immagini piene di strappi, da una voce sommessa, che sale dal basso, parla piano, dal fondo.
Traccia cammini fatti di contrasti vivi, dolorosi: ma è la forza di quella voce, poi, a condurre ben oltre la disperazione.
Proprio ciò che è inutile sa di intenso, ciò che cade in rovina alimenta la memoria.
Con l’aiuto della penna, la voce per un istante ricompone lo strappo, lo sguardo avvista qualcosa che rimane: la poesia, appunto.
Collana: Gli Alianti
Genere: Poesia
Curatore:
Traduttore:
Illustratore:
Prezzo: 15,00 €
Pagine: 144
EAN: 9788871682808
Data di uscita: 13/12/99

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

_
Responsive Menu Clicked Image